Bayeux tapestry

Bayeux tapestry

domenica 29 ottobre 2017

Un notaio che scrive in volgare nel XII secolo? Quando la fretta vince sulla forma.


Un interessantissimo documento redatto nel 1184 ci mostra un raro caso di utilizzo del volgare per un atto ufficiale in un'epoca durante la quale era ancora il latino la lingua ufficiale di qualsivoglia documento. Il testo è stato redatto a Villanova,  un villaggio oggi non più esistente nel territorio di Mirano, in provincia di Venezia. All'epoca faceva parte del distretto del comune di Padova. L'atto riguarda la ripartizione di feudi, masnade, concessioni e decime fra i fratelli Girardino e Bonifacino da Villanova, della famiglia dei Crespignaga.

Notate come il cum sia quasi sempre costruito con nom. singolare, chiaro segno dell'assoluta incapacità del notaio di coniugare sostantivi e aggettivi con la corretta declinazione. 

Ecco il testo, leggiamo come se fossimo nel XII secolo ;) 

In no(min)e D(omi)ni. An(no) nat(ivitatis) mc oct(uagesimo) iiii,
i(n)dic(ione) ii, die
vi i(n)tra(n)te m(en)se madii, p(re)sencia testiu(m) videlicet Aimelricus de Brusaporco, Leo de Vilanova et Sarasinus et Arpoinus et alii. Hin istoru(m) p(re)sencia
Girardinus et Bonifacinus fratres de Vilanova concordes fuerunt dividere int(er) se masnate quos ipsi abet in
Brusaporco et in Burgarico et in Anoale et i(n) Briana
et in Vilanova. Et hecem alia pars: Mecil de Brusaporco cu(m) filiis et filie et cu(m) o(mn)ia que posidet et Aongeto cu(m) filiis et filie et cum o(mn)ia que posidet et
B(er)taldinus cum o(mn)ia que posidet; de Anoale Vuireseto cu(m) filiis et filie, cu(m) uxore et cu(m) matre et cu(m)
soror sua Halda et cu(m) o(mn)ia que posidet, filie Olvradi d’Anoale cu(m) filiis et filie et cu(m) o(mn)ia que
posidet; de Vilanova Meglurelo cum filiis
et filie et cu(m) o(mn)ia que posidet; de Borgarico Ra(m)-baldo cum mulier, cu(m) filiis et filie et cu(m) o(mn)ia que
posidet. Hin ipsamet parte feudu(m) Amelrici de Brusa de Porco et feudu(m) Ruçeroli d’Anoale; de Vilanova lo feo de Leo et de so fredelo et de Boçounus; hin ipsamet parte lo feo de Façadeo de Sala et de Vivianus de B(er)ta et la decima
Iacomeli d’Anoale et feudu(m) Alberti et
Petri de Cres de Bugignana. Et ho(c)
feudu(m) de Façadei de Sala et de Vivianus
de B(er)ta et decima Iacomeli d’Anoale
et feudu(m) Alb(er)ti et Petri de Cres de
Bugignanab
abuit d(omi)n(u)s Bonifacia. feudum soprascritto.
nus p(ro)pt(er) feudum Girardini filius Holvradi d’Anoale pro stauru(m) et hecem pars d(omi)ni Bonifacini. Actum in Vilanova.
(st) Ego Vitalis F(ederici) inperatoris not(arius) audivi
scripsi et co(m)plevi.


Siete riusciti a comprendere tutto, vero? Creano più problemi le parentesi che la lingua in sé, direi. Sembra quasi di poter sentire leggere e rileggere, in una lingua sicuramente primordiale ma meno aliena per noi del latino ufficiale della maggior parte dei testi.

Trovo sempre emozionante quando ci si "avvicina" un po' di più a quell'epoca a volte così inaccessibile e remota.